Golden Globes 2023 // Pinocchio – Miglior film d’animazione

da | Gen 19, 2023 | Eventi

La stagione dei premi inizia a entrare nel vivo e il Pinocchio (qui l’articolo) di Guillermo del Toro è già in pole position per ottenere il riconoscimento più ambito: l’Oscar al Miglior film d’animazione. Nella notte tra martedì 10 e mercoledì 11 Gennaio 2023 il burattino di legno ha trionfato ai Golden Globes 2023, aggiudicandosi la statuetta di Miglior film d’animazione. Nel discorso di ringraziamento Guillermo del Toro ha ripetuto una grande verità per tutti gli appassionati di animazione: “L’animazione è cinema. L’animazione non è un genere per bambini ma un mezzo di espressione”. E ancora: “Ringrazio le sessanta e più unità che hanno lavorato a questo film per più di mille giorni di riprese e che hanno donato vita, bellezza e verità a una storia sulla vita, la perdita e l’appartenenza. Non è un film per bambini ma loro possono vederlo con voi se glielo spiegate”. Il film era candidato anche nelle categorie di Miglior colonna sonora e Miglior canzone (Ciao Papa), che sono state vinte rispettivamente da Justin Hurwitz per Babylon e da Naatu Naatu di Kala Bhairava, M.M. Keeravani, Rahul Sipligunj per RRR

Ma se l’Oscar è la meta finale, molte sono le tappe intermedie che contribuiscono a fornire uno sguardo sui possibili sviluppi della corsa all’Oscar. La stagione dei premi (o awards season per gli anglofili) di solito dura da novembre a febbraio, anche se si può individuare il suo inizio a settembre con i quattro festival autunnali (Venezia, Telluride, Toronto e New York) e prosegue poi con l’annuncio delle prime candidature ai premi regionali della critica statunitense. Quest’anno si estende fino al 12 marzo, giorno della premiazione degli Oscar, e proprio questi ultimi mesi potrebbero riservare delle sorprese, che però non sembrano plausibili nella categoria di Miglior film d’animazione, che pare avere un finale già scritto, soprattutto perché il film di del Toro è competitivo in più categorie e ciò è indice di un notevole sostegno da parte di critica e addetti ai lavori.

Certamente non tutte le categorie presenti in alcuni premi regionali sono presenti anche agli Oscar e agli altri premi principali come i Golden Globe e i Critics Choice Awards: ad esempio, non sono inclusi i doppiaggi o le performance in motion capture. In alcuni di questi premi assegnati da critici e associazioni con sede nelle capitali e nelle altre città più importanti degli Stati Uniti si può invece trovare una maggiore varietà di categorie e alcuni di questi sono specializzati in determinati ambiti. Come nel caso degli Hollywood Music in Media Awards, che prevedono le categorie di Miglior colonna sonora e Miglior canzone in un film d’animazione: la colonna sonora di Alexandre Desplat e la canzone Ciao Papa si sono aggiudicate la vittoria, a dimostrazione del fatto che il film di del Toro nella notte tra il 12 e il 13 marzo potrebbe portarsi a casa più di una statuetta oltre alla più scontata, ovvero Miglior film d’animazione.

Il film di del Toro ha trionfato in due dei tre principali premi regionali, quelli assegnati dalla Los Angeles Film Critics Association (LAFCA) e dalla Washington DC Area Film Critics Association (WAFCA), mentre per il New York Film Critics Circle (NYFCC) ha vinto Marcel the Shell di Dean Fleischer Camp. Pinocchio ha vinto anche i premi come miglior film d’animazione assegnati da Atlanta Film Critics Circle (AFCC), Las Vegas Film Critics Society (dove ha vinto anche per la colonna sonora), Phoenix Critics Circle, Southeastern Film Critics Association (SEFCA), Chicago Film Critics Association (CFCA), Boston Online Film Critics (BOFC), Philadelphia Film Critics Circle (PFCC), Dallas-Ft. Worth Film Critics Association (DFWCA), Online Association of Female Critics (OAFC), Black FIlm Critics Circle (BFCC), Nevada Film Critics Society (NFCS), Greater Western New York Film Critics Association, DiscussingFilm Critics (dove ha anche vinto per la sceneggiatura non originale e la colonna sonora), Alliance of Women Film Journalists (AWFJ), Critics Association of Central Florida (CACF), San Diego Film Critics Society (SDFCS), San Francisco Bay Area Film Critics Circle (SFBAFCC), Music City Film Critics Association (MCFCA) e Georgia Film Critics Association (GFCA). Per l’Oklahoma Film Critics Circle (OFCC) il film si è posizionato al settimo posto della top ten e ha vinto nella categoria di Miglior film d’animazione e nella long list dei British Academy Film Awards (BAFTA), che precede la scrematura che seleziona poi solo gli effettivi candidati agli Oscar britannici, figura nelle categorie di animazione, sonoro, scenografia sceneggiatura non originale, effetti speciali e colonna sonora.

Alla Hollywood Critics Association (HCA) ha ottenuto anche una candidatura per Ewan McGregor che ha prestato la voce al grillo Sebastian in Miglior doppiaggio o interpretazione in motion capture, dove è stato candidato insieme ad Antonio Banderas per Il gatto con gli stivali 2 – L’ultimo desiderio, Rosalie Chang per Red, Zoe Saldaña per Avatar – La via dell’acqua e Jenny Slate per Marcel the Shell. Infine, Pinocchio figura tra i film d’animazione candidati dal sindacato dei produttori statunitense Producers Guild of America (PGA) insieme a Il gatto con gli stivali 2, Marcel the Shell, Minions 2 – Come Gru diventa cattivissimo e Pinocchio. Statisticamente il vincitore dei PGA ha ottime possibilità di bissare il successo nella notte degli Oscar.

Per numero di candidature, secondi posti ottenuti e premi vinti si posiziona subito alle spalle di Pinocchio Marcel the Shell, che è stato indicato come vincitore da National Board of Review (NBR), New York Film Critics Online (NYFCO), Utah Film Critics Association (dove si è aggiudicato anche il premio per la Miglior sceneggiatura non originale), Indiana Film Journalists Association (IFJA), North Carolina Film Critics Association (dove Jenny Slate si è aggiudicata il premio per il miglior doppiaggio), St. Louis Film Critics Association (SLFCA) e Iowa Film Critics Association (IFCA).

Per quanto riguarda gli altri possibili avversari, Red è risultato vincitore per Florida Film Critics Circle (FFCC), Boston Film Critics Society (BFCS) e Toronto Film Critics Association (TFCA). Ha inoltre ricevuto una candidatura nella categoria di Miglior canzone in un film d’animazione Hollywood Music in Media Awards per Nobody Like U e una candidatura agli Women Film Critics Circle (WFCC) dove la protagonista Mei Lee è stata candidata nella categoria di Miglior personaggio femminile animato insieme a Izzy Hawthorne di Lightyear e Belle Bottom di Minions 2 – Come Gru diventa cattivissimo

Un altro film che ha ricevuto diverse candidature è stato Wendell & Wild, diretto da Henry Selick, candidato ai Critics Choice Awards insieme a Il gatto con gli stivali 2, Marcel the Shell, Pinocchio e Red e che figura tra i dieci film candidati dalla African American Film Critics Association (AAFCA). Altri possibili pretendenti per un posto nella cinquina degli Oscar potrebbero essere Apollo 10 e mezzo, Lightyear, Luck, Inu-ō (candidato ai Golden Globe), Mad God e Troppo cattivi.

Tra i prossimi eventi che contribuiranno a delineare la stagione dei premi ci sono la premiazione dei Critics Choice Awards, dove Pinocchio parte favorito con due ulteriori candidature in Miglior colonna sonora e Miglior canzone, e l’annuncio delle candidature agli Annie Awards, anche se l’attenzione sembra sempre più spostata verso il 24 gennaio quando verranno svelate le candidature degli Oscar. Il futuro è ancora da scrivere ma premio dopo premio il cerchio si sta stringendo sempre di più.

FONTI
AwardsWatch
The Hollywood Reporter
Next Best Picture

IMMAGINE
Pinocchio, ©2022/Mark Gustafson/Guillermo del Toro/Netflix Animation/The Jim Henson Company/ShadowMachine/Double Dare You!
Condividi
Commenti

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sull’autore
Dopo il diploma conseguito al Liceo Linguistico Giosuè Carducci di Viareggio, si è laureata in Lingue, Letterature e Studi Interculturali all’Università di Firenze. Ha frequentato i corsi di Giornalismo Cinematografico e Storia del Cinema della Scuola di Cinema Immagina a Firenze. Attualmente studia Traduzione Specialistica e Interpretazione di Conferenza all’Università di Trieste. Ama l’interdisciplinarietà e il suo lavoro ideale sarebbe fare la studentessa universitaria a vita perché non è mai sazia di sapere. Si interessa principalmente di lingue, letteratura, relazioni internazionali e del mondo dello spettacolo e del cinema. Appassionata soprattutto di film e serie fantasy e d’animazione, segue con trepidazione la stagione dei premi di Hollywood e l’evoluzione della rappresentazione e del politicamente corretto nel cinema.
Leggi altri articoli simili